Il Belcanto ritrovato

III Edizione
dal 15 giugno al 21 settembre 2024

IN VIAGGIO COL BELCANTO
NAPOLI

Concerto

Venerdì 1 settembre, ore 21.00

CORTE MALATESTIANA, FANO

Intepreti

Maria Sardaryan soprano*
Giovanni Impagliazzo baritono*
Luigi Morassi tenore**
Claudia Foresi pianoforte

*In collaborazione con Accademia per Cantanti Lirici della Fondazione Teatro di San Carlo Napoli
**
In collaborazione con Accademia Rossiniana “Alberto Zedda” del Rossini Opera Festival

Programma

Luigi Ricci (Napoli, 1805 – Praga, 1859) e Federico Ricci (Napoli, 1809 – Conegliano Veneto, 1877)
Il disertore per amore: Padre è un desio tiranno
Maria Sardaryan, soprano

 

Luigi Ricci (Napoli, 1805 – Praga, 1859) e Federico Ricci (Napoli, 1809 – Conegliano Veneto, 1877)
Crispino e la comare: Io sono un po’ filosofo
Giovanni Impagliazzo, baritono

 

Nicola Antonio Zingarelli (Napoli 1752 – Torre del Greco 1837)
La secchia rapita: Deh sgombra dal seno l’affanno
Maria Sardaryan, soprano; Luigi Morassi, tenore

 

Carlo Coccia (Napoli, 1782 – Novara, 1873)
Il Faiello: Pietà del mio dolore
Maria Sardaryan, soprano

 

Federico Ricci  (Napoli, 1809 – Conegliano Veneto, 1877)
Luigi Rolla: Tant’io t’adoro
Giovanni Impagliazzo, baritono

 

Michele Carafa (Napoli, 1787 – Parigi, 1872)
La Gabriella: Ombra che a me dintorno
Maria Sardaryan, soprano

 

Giacomo Cordella (Napoli, 1786 – Napoli, 1846)
Una follia: Far la pace con me brami
Maria Sardaryan, soprano; Giovanni Impagliazzo, baritono

 

Luigi Ricci (Napoli, 1805 – Praga, 1859)
Il nuovo Figaro: Aguzzar vorrai l’ingegno
Giovanni Impagliazzo, baritono

 

Luigi Ricci (Napoli, 1805 – Praga, 1859)
Chi la dura la vince: Se un tuo sguardo, un tuo sorriso
Maria Sardaryan, soprano; Luigi Morassi, tenore

 

Luigi Ricci (Napoli, 1805 – Praga, 1859)
Un’avventura di Scaramuccia: Se vuoi far la banderuola
Maria Sardaryan, soprano; Giovanni Impagliazzo, baritono

Se l’Opera italiana dovesse scegliere una capitale, probabilmente Napoli sarebbe tra le candidate, non solo per la presenza di quello che si ritiene il teatro d’opera più antico del mondo ancora attivo (1737), ma anche perché nella secolare storia del melodramma italiano vi sono state scritte alcune tra le pagini principali. Da Porpora e Piccinni, poi Rossini, Mercadante e Verdi, Donizetti, Zandonai, innumerevoli compositori si sono avvicendati a Napoli: per nascita, per lavoro o per studi. Il Festival propone un concerto firmato solo da autori nati in città tra metà Settecento e primi anni dell’Ottocento: una sfiziosa antologia nata da uno sterminato catalogo tutto da riscoprire e portare in scena nelle edizioni a venire.

Corte Malatesiana

Info e Boxoffice

boxoffice@ilbelcantoritrovato.it

Mappa

Sostenitori Enti Pubblici

Sostenitori Privati

Sostenitori Fondazioni e Istituzioni